Fiuuuuu

Tra una cosa e l’altra ho rischiato di non pubblicare nemmeno un post nel 2013.

È stato un anno un po’ pieno: cose universitarie e viaggi che uno non se lo può nemmeno immaginare 🙂

Canguro si riposa a Sydney

Canguro si riposa a Sydney

Posted in personale | Commenti disabilitati su Fiuuuuu

Che bel mondo …

Che bel mondo è quello in cui viviamo!

Meraviglia

Posted in Politica | Commenti disabilitati su Che bel mondo …

Poi dice che uno …

Allora non potrei certo dire che dell’Utri sia una persona affidabile e sappia scegliere i suoi collaboratori. Però stavolta l’ha fatta grossa.

Mi semnto un vecchio ma devo dirlo: non c’è più mondo.

Posted in General | Tagged , , , , , , | Commenti disabilitati su Poi dice che uno …

FOK JULLE NAAIERS!

Qualche tempo fa, ritornato nel magico mondo di internet, dopo mesi di rifiuto, mi sono riguardato alcuni siti che in passato mi avevano convinto: tra questi il (ec)citatissimo fastidio. Tra i numerosi post geniali, uno in particolare mi colpì, e questo in quanto avevo già sviluppato un notevole interesse nei confronti della cosa (insieme al mio amico Palazzotto): si tratta della band sudafricana Die Antwoord (qui il post con la notizia di fastidio).

Gli aspetti da approfondire su questo topic (che fa molto cool!) sono innumerevoli, e spero – poco a poco – in differenti post di riuscire a trattarne alcuni.

Oggi faremo una brevissima introduzione, toccando i punti maggiormente salienti: in primis, quanto è figa Yo-Landi Vi$$er? (malatissima è vero, ma proprio figa).

Yo-Landi Vi$$er

yo-landi

e che dire dei costumi assurdi che usa? (tipo quello di pikacchu o quest’altro indossato all’edizione 2010 del Coachella):

yo-landi

Comunque sul web è oggetto di un culto assoluto (a ragione) e in 5 minuti di ricerca ho trovato due tumblr blog – con un nome quasi identico – a lei dedicati:
http://fokyeahyo-landivisser.tumblr.com
http://fokyeahyolandi.tumblr.com/

Da notare naturalmente l’attento utilizzo del verbo «fok» (afrikaans per «fuck») che io non reisco a smettere di utilizzare, sembrando di conseguenza un ritardato.

Certo, riguardo al look, non si può dire che Ninja (nato Watkin Tudor Jones, un nome da aristocratico inglese che alleva maiali da competizione) sia da meno. Mitici i suoi boxer di Dark side of the Moon con il pacco in rapido movimento nel video Zef side (dal min. 1.13 per il pacco …)

I boxer sono comunque ben visibili a anche in questa foto (sempre dal Coachella 2010):

The Dark Side of die Antwoord

Look look!

Per chiudere questa brevissima carrellata, naturalmente manca ancora Dj Hi-tek, che sarebbe il ragazzone con la faccia sveglia che non dice mai una parola (MAI!):

Il ragazzone con la faccia sveglia aka Dj Hi-Tek

Nell’ultimo video – Fok julle naaiers – direi che ha subito una trasformazione più malefica, e ha cominciato anche a parlare e quando afferma che «DJ HI-TEK WILL FUCK U IN DA ASS» diciamo che io non ho alcun problema a credergli.

Comunque si tratta del video definitivo, da vedere e rivedere:
FOK JULLE NAAIERS
.

Ah, dimenticavo due cose importanti: Yo-landi ha un boato di ratti da compagnia … e la cosa si fa sempre più malata!!!

E poi, Fok julle naaiers, vuol dire FUCK YOU ALL.

Posted in musica | Commenti disabilitati su FOK JULLE NAAIERS!

Oggi ho bisogno esattamente di questo …

conosolami

Posted in personale | Commenti disabilitati su Oggi ho bisogno esattamente di questo …

Mozart, Wolfgang Amadeus

Stasera alla Scala di Milano vi sarà la prima del (meraviglioso) Don Giovanni (opera K527, per chi fosse un intenditore) di Mozart (vero nome, Johannes Chrysostomus Wolfgangus Theophilus). Su libretto di Da Ponte, è la seconda delle tre opere ‘italiane’ (le altre due essendo Così fan tutte e Le nozze di Figaro), ed è anche l’unica che io abbia mai ascoltato, in quanto una collega mi ha regalato il doppio cd per la laurea. Allora, a me l’opera (intendo il genere) non piace tanto – mai ascoltata per davvero forse – ma questa qui è una cosa diversa: sarà che Mozart è un fottutissimo genio …

Comunque tornando alle cose importanti: a parte la foto di Marina Berlusconi (con Pato, noto calciatore brasiliano del Milan, per chi non lo sapesse) e un uovo lanciato contro l’auto di Monti (ma Monti non dovrebbe essere al lavoro per salvare l’Italia dalla bancarotta????), pare che le cose siano procedute come al solito. Per chi volesse può seguire la diretta (LA DIRETTA!!!!!) sul serissimo sito di Repubblica.it (qui), con notevole attenzione per gli abiti e le mises degli intervenuti.

La DIRETTA?!?!?!?

Io personalmente mi limito a postare il miglior modo per ricordare Mozart e il suo splendore musicale (si riferisce alla Messia Requiem, ma fa lo stesso!) …

2 geni in un confronto plurisecolare

Posted in musica | Commenti disabilitati su Mozart, Wolfgang Amadeus

il nostro mondo è già perfetto …

In fin dei conti che cosa vogliamo di più … abbiamo già questo, e il porno amatoriale gratis.

Posted in General | Commenti disabilitati su il nostro mondo è già perfetto …

Ass clapping, callipigeismo* e steatopigia

Oggi vorrei introdurvi il concetto di ass clapping.

Partiamo dall’inizio: si sa che le negre (politically correct: le persone di sesso femminile di colore) hanno un culo che regna, come ebbi a dire una volta a un caro amico in una calda sera d’estate.

Il fenomeno (di avere un gran bel culo) viene espresso in italiano da un aggettivo, callipigia (si legge con l’accento sulla seconda «i», quella nella sillaba pi), che proviene come spesso accade alle parole di alto rango, dal greco antico, ed è composto dall’aggettivo kalòs, che vuol dire «bello», e dal sostantivo pugé (leggasi “piughé”) che vuol dire «natica, fondoschiena». L’aggettivo è prerogativa esclusiva di Venere, che in alcuni casi, può anche essere appellata con il solo aggettivo (sostantivato), in quanto lei è «dalle belle natiche» par excellence; dunque se trovate scritto da qualche parte «la Callipigia» sappiate che è Venere. Così anche i molti studenti dei licei classici che leggono il mio blog, potranno dire di avere ricavato qualcosa di utile oggi.

 

In italiano, stando alle mie misere risorse on-line di cui al momento posso disporre, non esiste un sostantivo per indicare la condizione di una donna che ha delle belle natiche: quindi mi sono permesse di crearne uno plausibile, con aggiunta di asterisco, che vuol dire che non è finora attestato.

Il sostantivo che invece c’è in italiano è steatopigia (con l’accento sulla seconda «i»): i più attenti avranno notato che il finale di questa parola è sempre lo stesso dell’altra, e infatti sempre di culo stiamo parlando. Si tratta in questo caso di un termine medico, che – cito da Wikipedia – indica una « spiccata lordosi lombare di alcune costituzioni fisiche e la tendenza ad accumulare adipe sui glutei e sulle cosce. La steatopigia è tipica delle donne di alcune etnie africane come quella degli ottentotti o dei boscimani. Spesso è stata riscontrata nelle veneri scolpite nel neolitico denominate per questo anche “veneri steatopigie“.» Ora, al di là della bestialità delle veneri del neolitico (gravissima: le veneri cui ci si riferisce sono quelle del paleolitico, cui rimanda correttamente il link “veneri steatopigie”: badate bene che anche questo articolo contiene notevoli imprecisioni, ma è utile perché ci sono delle foto e dà un’idea delle datazioni), dicevo, al di là di questa bestialità, il termine è trasparente. Allego anche alcune immagini per chiarire il fenomeno. Se cercate su internet questa parola, certamente salterà fuori abbastanza presto il nome di Saartjie Baartman, la cui istruttiva vicenda è diventata anche un film del 2010, presentato alla Mostra del -cinema di Venezia.

Continue reading

Posted in sono pornato! | Commenti disabilitati su Ass clapping, callipigeismo* e steatopigia

Osanna osanna

Il prog italiano, si sa, ha fatto scuola, ma nel vero senso della parola.

Basta ricordare in questa sede l’interesse clamoroso riscosso dai nostri gruppi fino in Giappone (vd. qui), sia negli anni d’oro (tour della PFM in Giappone del 1975) sia oggi, con ristampe di cose introvabili (almeno fino a qualche anno fa) anche in Italia.

Il vero peccato è che – non so perché – alla fine queste meraviglie, vere e proprie perle, spesso sono state sottovalutate e considerate con una certa superficialità., forse anche con un provincialismo tutto italiano.

Che posto hanno i gruppi prog italiani – ripeto: al di là del revival – nella storia della musica? Secondo me parecchio inferiore a quello che meriterebbero.

Polemiche e tristezze a parte, oggi vorrei introdurvi gli Osanna (scarne info su Wikip).

In poche parole, sono una band fenomenale!

Tralascio quanto potete trovare su Wikipedia, e passo a parlarvi brevemenDe dei dischi. Io ne conosco tre: »L’uomo« (1971), il primo, è un capolavoro dalla prima nota all’ultima, ispiratissimo; Assolutamente da vedere questo video in stile Jesus Christ Superstar (che lo ricordo è del 1973!!!!!) con l’aggiunta personale delle facce dipinte

Osanna 1

Poi (1972) compongono la colonna sonora di un poliozzettesco d’annata, Milano calibro 9, impreziosita da tre composizioni di Luis Bacalov (tra cui la splendida »Canzona« Osanna 2 – solo audio)

Il 1973 è l’anno di un album particolarissimo: pieno di suoni tarantellati, perfettamente immersi nelle atmosfere prog più classiche, rappresenta un esperimento unico nel suo genere (forse paragonabile a un pezzo, il celeberrimo »Folk and violence«, noto anche con il nome di »Tarantella Folk«, di Franco Micalizzi, non a caso tratto dalla colonna sonora di Napoli Violenta … ma tra una canzone e un concept album, si capisce bene la differenza di livello!). Forse il loro capolavoro, sicuramente il più originale di tutti gli album.

Poi io personalmente non ne più so nulla: il quarto album, lo scioglimento e le recentissime riapparizioni, ma Wikipedia da questo punto di vista vi fornisce tutte le informazioni a riguardo. Io mi limito a consigliarli caldamente.

prog prog

Posted in musica | Commenti disabilitati su Osanna osanna

Perché continuo a farmi delle domande …

quando c’è Wikipedia che risponde (qui)?

Terry può essere il diminuitivo di Teresa (femminucce) o di Terence (maschietti).

Terenzio – se fosse anglofono – potrebbe essere amichevolmente chiamto Terry.

Posted in General | Commenti disabilitati su Perché continuo a farmi delle domande …